nutrizionista
  • nutrizione
  • dieta
  • consulenza nutrizionale

Intolleranze Alimentari

Intolleranze Alimentari

Le IA sono spesso causa di una serie di disturbi che traggono origine dalla incapacità dell’organismo di digerire completamente alcuni alimenti, che vengono degradati soltanto a livello di macromolecole, non utilizzabili né per la produzione di energia né per la crescita cellulare.

Il loro accumulo nel tempo lungo la parete intestinale, è causa di processi infiammatori.

L’intestino perde la sua funzione di “filtro”, e tali processi si estendono ad altri organi compromettendone la perfetta efficienza.

E’ una sorta di lenta e graduale intossicazione che si manifesta con una sintomatologia assai varia: problemi intestinali, gastriti, ritenzione idrica, senso diffuso di stanchezza, cefalea, manifestazioni cutanee, mialgia e dolenzia articolare ricorrente, disordini del peso corporeo sia in eccesso che in difetto.

Presso lo studio di dietetica e nutrizione clinica del Dott. Aleo è possibile effettuare il test intolleranze alimentari e H2 Breath test.

Partendo dall’esito finale dell’analisi, dato che le intolleranze alimentari sono tipicamente dose-dipendente, vengono indicati i consigli nutrizionali che consentono da subito la

rotazione degli alimenti (evitando pericolose eliminazioni) e suggeriscono il percorso alimentare che la persona dovrà seguire. La proposta è indirizzata al graduale recupero della tolleranza e non all’eliminazione di determinati alimenti.

 

INTOLLERANZA AL LATTOSIO

 

Cosa è l’intolleranza al lattosio

Negli individui che presentano Intolleranza al Lattosio, il consumo di latte e latticini provoca disturbi gastrointestinali quali gonfiore, dolori, crampi,diarrea,nausee e spossatezza. Di norma,il Lattosio,una volta ingerito, viene scisso nei due zuccheri che lo compongono: Galattosio e Glucosio che vengono utilizzati in funzioni fondamentali per il nostro organismo.

Se non viene compiuto questo processo digestivo, gli zuccheri non digeriti si accumulano nell’intestino, richiamando liquidi e dando origine ad un processo di fermentazione dovuto all’azione della flora microbica intestinale: da qui la serie di disturbi citati in precedenza.

Le cause dell’Intolleranza

 

La causa di tutto ciò è da attribuirsi alla mancanza o ad una ridotta presenza dell’ enzima, Lattasi deputato alla scissione del Lattosio nei due zuccheri presenti nel latte e nei latticini. Tale intolleranza al Lattosio può essere di tipo Primario o Secondario.

Intolleranza di tipo Primario

In questo caso,l’organismo non produce l’enzima Lattasi per una malformazione genetica. Questo viene rilevato in circa il 15/20% dei casi esaminati.

Intolleranza di tipo Secondario o Transitoria

Si riscontra :

- In caso di una riduzione della presenza di Lattasi e quindi insufficiente a completare il processo digestivo. Questo può avvenire per un processo naturale o a causa del regime alimentare adottato.

- In presenza di infezioni o lesioni del tratto intestinale.

Il Test del respiro ( H2 Breath Test)

 

Principio: se si è in presenza di Intolleranza,gli zuccheri non digeriti fermentano producendo Idrogeno. Le pareti intestinali assorbono questo gas,consentendone l’eliminazione attraverso la respirazione.

Con il test del Respiro, si analizzano i picchi di concentrazione di Idrogeno nell’aria espirata dopo aver fatto ingerire del Lattosio.

Tale metodo consente di diagnosticare sia i casi di Intolleranza Primaria che secondaria o Transitoria.

Share by: